Giovedì, 22 Giugno 2017

Cerca

Panoramica 1840: Stati UNITI?

Perché parlare di questo evento?

  • Categoria: Panoramica
  • Pubblicato: Sabato, 05 Dicembre 2015 16:51
  • Scritto da Super User
  • Visite: 1652

La Sfida Trascontinentale.

I possibili tragitti percorribili per raggiungere la California, nel 1850

La costruzione della ferrovia trascontinentale americana è stata sicuramente uno dei progetti dell’uomo più ambiziosi degli ultimi secoli. Su uno sterminato panorama naturale che spazia dalle immense praterie del Nebraska alle montagne e ai canyons della Sierra Nevada, un popolo ancora scosso dalla Guerra Civile rincorre uno spirito di unità che il governo trasformerà in un lungo piano di lavoro che senza tanti complimenti passerà attraverso il continente e sopra tutti coloro i quali avranno la sfortuna di trovarsi sul tragitto dei binari nuovi di zecca.

Prima di tutto occorre dire che la ferrovia transcontinentale non è stata la prima ferrovia ad attraversare il continente americano. Nel 1855, ovvero 14 anni prima dell'inizio dei lavori, la Panama Railway collegava gli oceani Atlantico e Pacifico con una tratta di 77 chilometri, praticamente la versione a binari di quello che diventerà il Canale di Panama nel 1912.

I percorsi I primi discorsi attorno alla Ferrovia Transcontinentale nacquero già nel 1830, ma il tema divenne caldo per il popolo americano con l'affiliazione della California agli Stati Uniti nel 1848 e la successiva scoperta di miniere d'oro, che scatenò la famosa corsa all'oro della California.

La "Terra Promessa" necessitava di essere unita alla rete ferroviaria dell'est già esistente e largamente utilizzata. In quegli anni il pioniere che desiderava raggiungere l'ovest aveva di fronte a sé tre alternative:

Leggi tutto: Perché parlare di questo evento?

Il Sogno Pacifico

  • Categoria: Panoramica
  • Pubblicato: Sabato, 05 Dicembre 2015 17:13
  • Scritto da Super User
  • Visite: 1276

Stati Uniti nel 1846

Nei primi anni del 1840 tutto il territorio della California era di proprietà del Messico, che all’epoca estendeva i propri confini a Nord attraverso la California, il Nevada e lo Utah fino all’Oregon, e a NordEst inglobando Arizona, Colorado, New Mexico e parte del Texas. Il Texas, appunto, era territorio messicano sul quale, però, un gruppo di coloni americani aveva costituito una repubblica indipendente che desiderava l’annessione agli Stati Uniti. Tale annessione, per anni trascurata dagli USA, era però un allarme alla guerra più volte manifestato dal Messico, che non riconosceva l’indipendenza del Texas e che desiderava invece di recuperare la provincia “in subbuglio”. Nel 1845, nel suo ultimo giorno di carica, il presidente americano John Tyler accetta l’annessione del Texas rendendolo quindi il 28° stato, seguendo la politica di espansione del Stati Uniti sancita nella “dottrina Monroe” che sostanzialmente prevedeva:

- il controllo diretto di tutto il continente americano (“L’America agli Americani”);

- nessuna interferenza europea sui territori americani;

- nessuna interferenza americana sui conflitti europei.

Tale annessione prevedeva lo scatenarsi della guerra con il Messico, il cui obiettivo sarebbe stato l’appropriazione della California e degli altri territori dell’ovest. Gli USA dovevano avere un porto sul Pacifico, per poter meglio affermare il proprio commercio con l’Asia, in costante crescita, e le continue influenze Inglesi lasciavano temere un possibile atto di colonialismo presso quelle terre così preziose.

Leggi tutto: Il Sogno Pacifico

La Corsa all'ORO!

  • Categoria: Panoramica
  • Pubblicato: Lunedì, 07 Dicembre 2015 22:36
  • Scritto da Super User
  • Visite: 1559

James Marshall vicino alla segheria Sutter

La California venne messa sotto i riflettori di tutto il mondo il 18 Gennaio 1848 quando si scoprì casualmente un filone aurifero nei pressi di Sacramento. Fu James W. Marshall a trovare le prime tracce d'oro nelle acque dell'American River, nei pressi di Coloma, durante la costruzione di un “mulino” per Johann Sutter. Si trattava di una notizia sconvolgente per l’epoca storica (il territorio era Messicano, ed in fase di formale cessione agli USA), per la zona estremamente selvaggia (la Sierra Nevada) e per le scarse risorse ed infrastrutture presenti all’epoca nell’ovest. Sutter tentò invano di mantenere segreta questa notizia facendo giurare il segreto all’operaio che trovò la prima pepita, ma nonostante questo proposito la fuga di notizie avvenne e comportò una migrazione di massa verso la California (i cercatori d’oro vennero ribattezzati “fortyniner” proprio perché questo esodo iniziò massicciamente nel ’49) da parte di avventurieri giunti da ogni parte del mondo, principalmente Cina e Irlanda, in cerca di fortuna e di dare una svolta alle proprie vite.

Leggi tutto: La Corsa all'ORO!